A.I.C.S. COMITATO PROVINCIALE DI LATINA
A.I.C.S. COMITATO PROVINCIALE DI LATINA

Lo staff AICS vi dà il Benvenuto sul nostro nuovo sito web.

Uffici provinciali siti in Latina Viale Le Corbusier 243

 

L'A.I.C.S. LATINA è la soluzione giusta per il tuo circolo sportivo - ricreativo.

 

Tel. 366 8186457

 

Il nostro servizio è completo e professionale. Visitate il nostro nuovo sito web e lasciatevi convincere dalla nostra offerta estremamente interessante. 

 

Una polizza assicurativa AICS-SAI davvero vantaggiosa per voi e i vostri associati.

Nuovo logo per il settore Pallacanestro. A breve importanti novità

AICS POINT - viaggi a prezzi vantaggiosi per i nostri associati        per maggiori info latina@aics.it

Clicca su AICSPOINT e crea il tuo viaggio in piena comodità

oppure vieni presso i nostri uffici 

TORNEO di PADEL - Pineta dei Liberti -  Ardea (RM)

22 e 23 Maggio 2021

inviare la domanda di iscrizione e relativo pagamento a latina@aics.it

PADEL AICS domanda iscrizione al torneo2[...]
Documento Adobe Acrobat [132.3 KB]

PROTOCOLLI ANTI-COVID  e DOCUMENTI NECESSARI PER LE ASSOCIAZIONI               clicca sull'immagine sotto

PREISCRIZIONI CAMPIONATI NAZIONALI AICS  cliccare su NEWS

TORNEO DI BEACH SOCCER 

 

Aperto a tutti i ragazzi e società di calcio

per maggiori info scivere a latina@aics.it

tel 3668186457

CAMPIONATO DI PALLACANESTRO AICS LATINA 

Per le prenotazioni riservate ai soci cliccare sull'immagine

ESPOSIZIONE CINOFILA AMATORIALE CANINA

Aprilia (LT), 23 Giugno 2019, per magiori info scrivere a latina@aics.it e/o direttamente al responsaile di settore Fiorenzo 3923791950

Calcio giovanile Torneo AICS GIOVANI STELLE 

CICLISMO, PER I TESSERATI AICS NESSUNA “BIKE CARD”: VIGE LA CONVENZIONE STIPULATA CON LA FEDERCICLISMO PER LA RECIPROCITA’ DI PARTECIPAZIONE ALLE PROPRIE ATTIVITA’

Il presidente Molea:  «Vige l’accordo stretto con la Federazione a marzo scorso. Aics intende tutelare e garantire la libertà di adesione al nobile sport»
 
Nessuna “tassa sul sudore” o doppia iscrizione per i ciclisti Aics che vogliano partecipare alle attività organizzate dalla Federciclismo. A chiarirlo, dopo la polemiche sollevate nei giorni scorsi sulla già ribattezzata “bike card” è il presidente di Aics, il deputato Bruno Molea. Tra Aics e Federciclismo, ricorda lui, vige infatti una convenzione stipulata a marzo scorso che prevede che le società sportive possano «liberamente» aderire alla Fci e che sia «garantita la reciprocità di partecipazione agli eventi sportivi organizzati dalla Federazione o da Aics». Tradotto: gli iscritti e i tesserati Aics non dovranno pagare quell’iscrizione annuale di 25 euro che la Federciclismo ha già richiesto agli atleti che, non tesserati con la Federazione, vogliano partecipare alle attività della Fci. «Allo stato delle cose – ribadiscono il presidente Molea e il responsabile ciclismo Aics Diego Persichetti nella lettera già inviata a tutti i comitati Aics e alle società di ciclismo – confermiamo che è in corso di validità la convenzione sottoscritta tra Fci e Aics il 7 marzo scorso regolarmente depositata presso l’ufficio organi collegiali della Fci e non disdetta da nessuna delle due parti. Essa è da ritenersi valida almeno per tutto l’anno sportivo 2018. Sono in corso colloqui con il presidente della Fci e degli altri enti di promozione sportiva interessati per chiarire in modo soddisfacente gli aspetti di questa incresciosa vicenda che nuoce ai praticanti e agli organizzatori degli eventi sportivi. L’Aics intende comunque tutelare e garantire la libertà di adesione e di partecipazione della pratica di questo nobile sport».

TENNIS E PADDLE, CON AICS CORSI DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORI

TENNIS E PADDLE, CON AICS CORSI DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORI
Le lezioni per formare gli istruttori nazionali di paddle si terranno il 18 e il 19 novembre al Fioranello Tennis and Paddle a Roma; quelle per istruttore nazionale di tennis si terranno dal 15 al 19 novembre al New Penta 2000 di Roma
 
Non solo gioco, con Aics Tennis anche alta formazione. Come i due corsi di formazione per istruttori nazionali di paddle e di tennis. Il primo si terrà il 18 e il 19 novembre prossimi al Fioranello Tennis&Paddle di Roma (via di Fioranello, 68); il secondo si terrà dal 15 al 19 novembre al New Penta 2000 di via Malafede a Roma. Per entrambi, tempo fino al 5 novembre per iscriversi.
Il Corso di formazione per istruttori nazionali Paddle Aics verrà effettuato se sarà raggiunto il numero minimo di 10 domande di partecipazione di candidati (aventi diritto all’ammissione). Indipendentemente dal numero minimo di 10 domande, in presenza di particolari situazioni, il CO.TAN. si riserva comunque la facoltà di poter attivare ugualmente il corso. Per la graduatoria di ammissione verranno prese in esame le domande, complete della documentazione richiesta, in base alla data e all’ora di arrivo. Il Corso si articolerà in un unico modulo di due giorni comprendente materie di carattere tecnico-tattico e scientifico di Paddle.
Lo stesso varrà per il corso di formazione per istruttori nazionali di tennis che verrà effettuato se sarà raggiunto il numero minimo di 20 domande: si accetteranno comunque un numero massimo di 30 partecipanti.
Per iscrizioni, requisiti e pagamenti, cliccare sulle due circolari allegate. Per le altre informazioni, latina@aics.it
Bando Istruttore Nazionale PADDLE AICS
 

    FESTA DELLO SPORT PER TUTTI 

PATTINAGGIO ARTISTICO, DALL’8 APRILE VIA ALL’8a RASSEGNA REGIONALE

Oltre 900 atleti iscritti, 44 società emiliano-romagnola presenti: prenderà il via il prossimo 8 aprile l’ottava rassegna regionale Emilia-Romagna di pattinaggio artistico. La manifestazione che si chiuderà il 21 maggio e sarà itinerante, è indetta e organizzata dal comitato regionale Aics Emilia-Romagna, e dal responsabile Regionale Pattinaggio AICS Claudio Faragona.
La gara è riservata alle associazioni sportive affiliate ad Aics e ai loro tesserati e si comincerà quindi l’8 e il 9 aprile a Misano Adriatico con gara uno. L’appuntamento con gara due è per il 30 aprile e il primo maggio a Bondeno (Ferrara), quello con gara tre il 6 e 7 maggio a Lugo di Romagna. Si proseguirà con gara quattro il 13 e 14 maggio a Forlì e con gara cinque il 21 maggio a San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna

DISCIPLINE OLISTICHE, CORSO BASE DI SHIATSU

Il polo di formazione Olistica AICS – DSTO NASAMECU (Scuola di Formazione Professionale per Operatori Shiatsu) di Aprilia (Latina) organizza, come consuetudine annuale, il doppio appuntamento con il Corso Base Propedeutico di Shiatsu della durata di 40 ore. Le presentazioni si terranno in due sedi: il 29 marzo alle 18 a Latina, nel Polo di formazione Olistica  AICS So Ham; il 17 aprile  alle 18 ad Aprilia (Lt), nel Polo di formazione Olistica  AICS Nasamecu. L’incontro sarà tenuto dal dottor Luigi Barreca, laureato in Psicologia, Doctor of Science in Chiropratic, Massoterapista, Insegnante Shiatsu e fondatore della scuola di Shiatsu Nasamecu di Aprilia. Barreca è anche referente di disciplina AICS-DSTO per lo Shiatsu della regione Lazio e autore del libro: “Psicoshiatsu. L’arte di cambiare te stesso”.
Durante la presentazione saranno evidenziati la didattica, il calendario, i costi e sarà promosso l’AICS-DSTO organismo rappresentativo a tutela delle discipline DBN. I presenti potranno ricevere un breve trattamento gratuito.
Il corso di 40 ore è rivolto a tutte le professioni coinvolte nella relazione di aiuto come psicologi, medici, fisioterapisti, infermieri e a tutti coloro che sentono di voler essere utili agli altri attraverso tecniche o strumenti legati al benessere e al miglioramento della qualità della vita.
I partecipanti impareranno: le basi fondamentali di questa antica arte per la salute; il concetto di pressione Shiatsu; la sequenza prona, base fondamentale di tutti gli stili di Shiatsu; i 6 esercizi Makko-ho utili allo di stiramento dei meridiani. Alla fine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione  utile per proseguire il triennio professionale.

Dipartimento OLISTICO AICS

La vita è in costante movimento: la dinamicità è inevitabile, di conseguenza il cambiamento. A livello biologico, per esempio nell’essere umano, ogni giorno circa un grammo di cellule della cute vengono sostituite ed ogni minuto il midollo osseo produce milioni di nuovi globuli rossi. Ma gli organismi non cambiamo solo a livello biologico: un altro fattore importante è il cambiamento a livello psicologico. A chiarire questo aspetto ci aiuta la psicologia dello sviluppo che studia l’evoluzione e lo sviluppo del comportamento umano, dalla nascita alla morte. Serve aggiungere che la psicologia dello sviluppo cerca di rispondere a tre domande fondamentali: “Quando”, “Come” e “Perché”.
La psicologia dello sviluppo o evolutiva studia il processo di crescita o organizzazione delle persone, crescita fisica e psicologica. La psicologia dello sviluppo studia l’individuo dagli 0 ai 20 anni tramite sei fasi, da quella prenatale a quella dell’adolescenza. Il cambiamento e lo sviluppo sono dunque condizioni naturali e intrinseche all’essere umano.
Spesso però quando affrontiamo la parola cambiamento, anche se generalmente condivisa da tutti, genera non poche resistenze. Vari sono i motivi per il quale resistiamo ai cambiamenti. Quello principale è il voler mantenere uno status quo raggiunto, ma la resistenza può anche essere causata da fattori come la paura, l’insicurezza oppure da i dubbi relativi all’impatto che il cambiamento può avere sulla nostra esistenza. Anche se ricercato e richiesto le emozioni legate al cambiamento sono spesso di incertezza e sospensione. Cambiare richiede spesso apertura e flessibilità qualità che sono più semplici riscontrare nei primi 30 anni di vita.
La resistenza al cambiamento ha varie modalità: il rifiuto («ho sempre fatto così… perché dovrei cambiare?»), il rinvio («ora ho altri impegni, ci penserò domani»), l’indecisione ( «non so se è la cosa giusta»), il sabotaggio nascosto («occhio non vede, cuore non duole»), la regressione («è da stupidi rischiare»).
Sono 11 invece le ragioni per cui si resiste al cambiamento:
–          l malinteso circa la necessità di un cambiamento: se le persone non capiscono il bisogno di un cambiamento ci si può aspettare la resistenza, soprattutto da coloro che credono fortemente che il modo attuale di fare le cose funziona bene cosi perché lo ha fatto per vent’anni in questo modo;
–          la paura dell’ignoto: se la gente prende solo misure attive verso l’ignoto se crede veramente e percepisce che i rischi di rimanere sulla stessa posizione sono ancora maggiori di quelle di andare avanti in una nuova direzione;
–          la mancanza di competenze: paura che viene raramente ammessa: il cambiamento, se è nell’ambito lavorativo, prevede delle variazioni in termini di competenze, e alcune persone temono che non saranno in grado di effettuare tale transizione nel migliore dei modi;
–          il collegamento al vecchio modo di fare: se si chiede alle persone di un’organizzazione o di un’azienda di fare le cose in modo diverso e nuovo, per quanto la nuova procedura possa essere razionale, si teme di mettersi contro tutto ciò che rappresenta il vecchio modo di fare e contro tutte quelle connessioni emozionali e relazionali di coloro che ancora credono che fare le cose alla vecchia maniera sia quella giusta – è questo non è per nulla banale;
–       bassa fiducia in se stessi: quando le persone non credono di essere in grado di gestire il cambiamento è molto probabile che si generi la resistenza;
–       la moda o la tendenza del momento, convinzione che l’iniziativa al cambiamento sia solo una moda temporanea o una tendenza del momento: anche in questo caso probabilmente si genera resistenza;
–     quando non si è parte in causa: il cambiamento riguarda un gruppo, le persone che ne fanno parte creano meno resistenza se si sentono parte attiva del cambiamento e non lo devono subire solo di riflesso. Alle persone piace sapere cosa sta succedendo. Una delle maggiori preoccupazioni riguarda soprattutto il timore che il cambiamento possa alterare lo status raggiunto all’interno del gruppo;
– scarsa comunicazione: uando si tratta di gestione del cambiamento non c’è nulla che possa funzionare meglio di un’ottima comunicazione. Al contrario una scarsa comunicazione può generare fraintendimenti, chiusure, incomprensioni e di conseguenza resistenza;
– modifiche alla si parla di “comfort zone” stiamo facendo riferimento alla routine. La amiamo. Ci conferisce un senso di sicurezza. Di conseguenza ogni volta che il cambiamento ci impone di fare le cose in modo diverso generiamo resistenza;
– la rassegnazione. E’ necessario non confondere il rispetto con l’accettazione. e persone che sono sopraffatte dal cambiamento continuo si rassegnano e si conformano al flusso. Quando questo accade, il cambiamento avviene per inerzia e non per scelta consapevole. Tale atteggiamento genera un abbassamento della motivazione perché la percezione è quella di una vita che scorre verso direzioni che non sono quelle che veramente vorremmo;
– il rapporto tra vantaggi e benefici: ltre resistenze si generano infine quando si ritiene che i benefici e le ricompense per il cambiamento non sono adeguati all’energia utilizzata alla realizzazione del cambiamento.
 
L’operatore olistico come facilitatore del cambiamento
Ogni volta che come operatori olistici, ci relazioniamo con le nostre competenze ad una persona che si rivolge a noi per essere aiutata, dobbiamo sempre prendere in considerazione il fatto che la volontà al cambiamento è fondamentale per chi vuole ritrovare un rinnovato equilibrio. Il nostro sistema psicofisico crea equilibri continui sia interni (psicologici) che esterni (biologici). Anche nello squilibrio la vita cercherà un adattamento con l’intento di preservare la sua integrità. Le compensazioni sono dunque un atto dinamico nell’economia dell’equilibri, specialmente la dove, le condizioni esterne- interne o la combinazione di esse hanno portato ad una situazione di disagio. Tale disagio è un sintomo che ha la funzione di spingerci verso un cambiamento, atto importante, per creare un presupposto evolutivo.
Senza cambiamento non ci sarebbe progresso e la stasi porterebbe inevitabilmente alla stagnazione delle energie. Il sentirsi bloccati nella vita, il non procedere è spesso legato alla paura del cambiamento. Si preferisce rimanere statici nella propria “comfort zone” più che prendersi il rischio di cambiare e procedere. Come operatore olistico, bisogna sempre prima creare un quadro olistico della situazione, nel quale la persona che richiede il mio aiuto risiede. L’intervento deve essere un intervento di sostegno al cambiamento incentivando nella persona la presa di coscienza delle proprie risorse e potenzialità.
Mai commettere l’errore di fare per l’altro. L’operatore olistico non deve mai assumersi la responsabilità del cambiamento altrui. Aiutare l’altro al cambiamento richiede un lavoro quotidiano anche su se stessi. Se non siamo noi primi a mettere in atto i suggerimenti che diamo agli altri, nelle nostre consulenze, come possiamo sperare di essere di aiuto? Cambiare fa parte del nostro piano evolutivo mentre il non cambiamento è legato all’attaccamento e alla paura di perdere le cose e i status quo acquisiti.
Il cambiamento è simbolicamente legato all’ignoto e alla morte ed è per questo che esso genere molta resistenza. Ma se andiamo per logica e comprendiamo che la morte è un cambiamento essa stessa, e che nulla può essere trattenuto e posseduto in eterno allora potremmo alzare il “velo di maya” e intravedere la vera natura delle cose. Siamo tutti in cammino verso una destinazione ignota. L’idea di possesso e di attaccamento è la proiezione ingannevole di una realtà prodotta dalla mente con l’intento di contrastare la verità della morte e di tutto ciò che essa comporta. La verità però è che siamo in costante movimento ed accettare il cambiamento, per quanto a volte doloroso, è un passo fondamentale per vivere meglio.
Graziano Scarascia
Referente Nazionale AICS DSTO – DBN
Corso di Riqualificazione Insegnanti Tecnici di Karate Tradizionale

CAMPIONATO NAZIONALE DI TENNIS-CORSO ISTRUTTORI

Campionato Nazionale di Tennis e Aggiorn[...]
Documento Adobe Acrobat [233.6 KB]

RIMINI CAMPIONATO NAZIONALE KARATE-KUMITE

Campionato Nazionale Karate Sportivo.pdf
Documento Adobe Acrobat [139.8 KB]

STAGE NAZIONALE DI KARATE TRADIZIONALE - PADOVA 02/03 NOVEMBRE

Stage Nazionale di Karate Tradizionale - PADOVA 2- 3 NOVEMBRE 2013

 

Per info scrivete a latina@aics.it

 

 

In foto la campionessa Italiana di Karate GABRIELA VOICESCU, tesserata AICS Latina.

 

TORRE IN FESTA - LATINA Piazza dell'Acquedotto

Domenica 15 settembre 2013 si terrà la prima edizione di "Torre in Festa", giornata finalizzata alla raccolta fondi per beneficenza, ricca di attività distribuite durante tutto l'arco della giornata.

Programma della festa:

ore 10:00 - mercatino della solidarietà presso lo stand ...
                      della Diaphorà Onlus 
ore 15:00 - inizio tornei
ore 18:00 - balli popolari e di gruppo
ore 19:00 - presentazione del libro "Da rospo a principe"
                      con la partecipazione dell'autore
Stefano Borzumato
ore 21:00 - Premiazione tornei
ore 21:15 - Consegna targa "Torre Solidale"
ore 21:30 - Luca Maschera presenta:
                     "Mi lamento e basta - Becero Tour"

Le iscrizioni ai vari tornei sono già aperte presso il locale Zerodoppio.

Vi aspettiamo!

CONVENZIONI AICS - CRAL

CONSULTA IL SITO CON LE MILLE CONVENZIONI PER I SOCI - CIRCOLI AFFILIATI A.I.C.S.

SHORINJI KEMPO LATINA

Shorinji Kempo STAGE a Latina, a cura del Maestro Claudio Necci - Ezio Rabbai.

CORSO ISTRUTTORI KARATE TRADIZIONALE 2013

CORSO ISTRUTTORI E MAESTRI 2013.pdf
Documento Adobe Acrobat [82.0 KB]

STAGE ESTIVO DI KARATE - KUMITE 2013

Stage Nazionale Estivo di Karate Tradizionale– 5-7 Luglio 2013 Lorenzago e Domegge di Cadore

(BL).

Nei giorni 5-6-7 luglio p.v. si terrà, lo Stage Nazionale Estivo di Karate Tradizionale aperto alle

Società regolarmente affiliate AICS per l’anno in corso ed ai relativi tesserati di tutti i gradi, dalla cintura

gialla a 5° dan.

 

STAGE ESTIVO DI KARATE TRADIZIONALE 2013[...]
Documento Adobe Acrobat [118.1 KB]

STAGE GINNASTICA ARTISTICA

 

STAGE GINNASTICA ARTISTICA

 

“GYM CAMP 2013”

 

Cesenatico 26-31 Agosto

 

 

Cari Presidenti e Tecnici,

 

siamo giunti alla 7^ edizione del nostro stage-vacanza di Ginnastica Artistica, sempre tanto

 

atteso da tecnici e ginnaste. Come per gli anni passati ci ospiterà l’Accademia Acrobatica di

 

Cesenatico,

dal pranzo di lunedì 26 al pranzo di sabato 31 Agosto 2013, ad un costo

particolarmente vantaggioso, presso la Holidays & Sports House “MARE & VITA - GYM, luogo

tecnicamente ben attrezzato, con ampi spazi ricreativi per una settimana di

“ginnastica in relax”.

Lo stage è riservato a tutti i tecnici/che e ginnasti/e tesserati presso Società di Ginnastica

Artistica affiliate AICS per l’anno 2013, anche se tesserati FGI e/o FISAC, o altro Ente.

Rispetto allo scorso anno, per non incrementare i costi dello stage, si è deciso di iniziare di

lunedì senza il pernottamento e la cena della domenica precedente (comunque facoltativo) e di

terminare, come sempre, il sabato dopo pranzo con l’opportunità di fare 1 allenamento

supplementare anche nel pomeriggio. Sono garantiti come sempre 10 allenamenti + 1 opzionale

sabato 25 agosto pomeriggio.

 

Struttura:

Holidays & Sports House “MARE & VITA – GYM”



Contatti: latina@aics.it

La quota di partecipazione comprende:

Trattamento di pensione completa (vitto e alloggio)

Uso di tutte le attrezzature



Assistenza tecnica dello Staff (6 tecnici)

Assistenza medica

Utilizzo di 2 piscine e spiaggia privata attrezzate

Festa finale in piscina con cena a buffet ed animazione musicale

Maglietta del Gymcamp (supplemento € 10,00)

Costo per ginnasti/e e tecnici/che: €. 295,00

Costo per accompagnatori (amici o parenti): €. 235,00

Bimbi 3-5 anni non ginnasti (aggregati) €. 165,00

Bimbi 0-2 anni gratuità
Accademia Acrobatica

Cesenatico

GYMCAMP A.I.C.S.

AGOSTO 2012

Disponibilità di alloggio:

120 posti

(staff tecnico compreso) con priorità assoluta per tecnici e ginnaste. Visto

 

 

LATINA 26 MAGGIO 2013 - APPUNTAMENTO AL PALAZZETTO DELLO SPORT PALABIANCHINI LATINA - EVENTO PATROCINATO DALL'A.I.C.S.

 

PROGRAMMA





10.00 - 12.00: allenamento su base  interregionale, stage con i sensei del comitato Centro Italia.
12.00 - 13.00:  embukai interregionale (gara di embu e randori, competizione a  coppie)

Gli Embu rappresentano una parte dell'allenamento, in cui una  coppia di praticanti elabora strategie di attacco e difesa attraverso 6 sequenze  che saranno eseguite nell'ambito della gara.
La finalità è quella di far  acquisire ai praticanti fluidità nella tecnica e attenzione verso la strategia  di autodifesa.
Attraverso gli Embu, infatti, i praticanti imparano a legare  le tecniche dello Shorinji Kempo l'una all'altra, ed imparano ad applicarle in  una condizione vicina alla realtà (adattamento alla fisicità dell'avversario,  gestione delle difficoltà del momento).
Gli Embu sono valutati per efficacia,  precisione tecnica, espressione agonistica, composizione, e la gara è  strutturata in categorie relative ai gradi tecnici (le "cinture").
Il Randori  è l'allenamento al combattimento che si pratica nei dojo di Shorinji Kempo. I  praticanti imparano, usando le adeguate protezioni, ad applicare a pieno le  tecniche senza l'organizzazione data dall'embu, ma solo rispondendo ad una  possibile condizione di pericolo. L'obiettivo del combattimento non risiede  tanto nello "sconfiggere" il partner, quanto nel mettersi alla prova (a vicenda  e con sé stessi) nello sperimentare l'efficacia di quanto imparato durante lo  studio tecnico, l'allenamento fisico, e la preparazione degli Embu. Per questo  motivo, il randori è generalmente privo di connotazioni agonistiche e personali:  non si fanno gare in cui vinca un singolo, né si troverà mai un "campione di  Randori" ma al più è una coppia di "avversari" che vince la gara per il miglior  combattimento).
L'ingresso  per gli ospiti (che vogliano provare ad allenarsi) o per gli spettatori è  gratuito.
Associato all'evento è prevista un'iniziativa in favore  della Onlus Diaphorà (associazione famiglie persone diversamente abili).

VIII° MOTORADUNO CISTERNA DI LATINA

L'ASD IRON MUSTAN circolo a noi affiliato organizza l'VIII° Motoraduno, per qualsiasi info contattateci.

.

.

CORSO DI SOPRAVVIVENZA

CORSO DI SOPRAVVIVENZA PER I SOCI AICS

FIT DANCE KONTEST 2013

La manifestazione di danza organizzata dalla FIT  DANCE, affiliata all'AICS di Latina.

 

Presente MATILDE Brandi e altri personaggi del mondo della danza.

 

Per Maggiori info contattateci senza impegno.

 

FESTA 50 ANNI AICS

Contatti

Per INFO chiamateci al :

 

CELL. 366 818 645 7

 

Posta elettronica latina@aics.it

 

 

Potete usare il nostro modulo online per essere ricontattati dal nostro ufficio.

PORTALE PER IL TESSERAMENTO ON LINE

Pagina Facebook      Padel AICS LATINA clicca sull'immagine

PAGINA FECEBOOK AICSLATINAICS CLICCA SULL'IMMAGINE 

PAGINA FACEBOOK AICSLATINA

CLICCA SULL'IMMAGINE

PAGINA FACEBOOK PALLAVOLO

CAMPIONATO PALLAVOLO

Modulo iscrizione al campionato
Modulo_Iscrizione_Campionati_AICS LATINA[...]
Documento Microsoft Word [114.0 KB]
Lista gara
Lista-Gara_AICS_LATINA PALLAVOLO.doc
Documento Microsoft Word [130.5 KB]
Dichiarazione del presidente
Dichiarazione del presidente della socie[...]
Documento Microsoft Word [109.5 KB]

PAGINA FACEBOOK PALLACANESTRO

PORTALE PER GLI INFORTUNI - clicca  e procedi 

CONVENZIONE A.I.C.S. - F.I.N. clicca sull'immagine 

Convenzioni con ASSOCRAL

INSERISCI IL TUO EVENTO

INSERISCI QUI LE NOTIZIE DELLA TUA ATTIVITA SPORTIVA UNITAMENTE ALLE IMMAGINI E VIDEO

CLICCA SUL BANNER PER CONSULTARE L'ESPERTO.

CONVENZIONE CONVENZIONE

A.I.C.S. TV clicca sull'immagine

SCARICA L'APP A.I.C.S.

scarica l'applicazione AICS sul tuo tablet-ipad-iphone

NOTIZE UTILI

LEGGE ANTIFUMO.pdf
Documento Adobe Acrobat [162.3 KB]
INFO SUI CIRCOLI AICS.pdf
Documento Adobe Acrobat [251.4 KB]
Accordo AICS - SIAE
Accordo FISA
Il Settore Cinofilia in forte espansione

TORNEO BEPPE VIOLA
Stampa Stampa | Mappa del sito
A.I.C.S. LATINA VIALE LE CORBUSIER 243 04100 LATINA Copyright © 2012 AICS All Rights Reserved WebMaster by F&L